Silter Della Valcamonica

Questo formaggio a pasta dura semi grasso, proviene dalla Valcamonica o dalla zona est del lago d’Iseo. Il suo nome ha origini celtiche , ed era chiamato così , il locale dove veniva stagionato.

Viene utilizzato il latte di vacca razza bruna ,i capi ad oggi sono circa 9.000 ,che permettono la produzione di questo formaggio.

La sua stagionatura è di almeno 6 mesi, di colore giallo intenso, con una piccola occiatura. Di sapore medio- intenso.

Può essere consumato sia da grattugia che da tavola , abbinato a un buon Franciacorta rosso oppure un Montepulciano d’Abruzzo.

A noi è piaciuto molto , quindi ve lo consiglio.

a presto

lappetitovienmangiando.

Grassa Gallina Osteria Enoteca Libreria S.Giovanni In Persiceto

La gita domenicale ci ha portato a San Giovanni in Persiceto caratteristico borgo Bolognese.

Il ristorante provato quest’oggi è la Grassa Gallina Osterie Enoteca e Libreria. Locale graziosissimo con piatti tipici del territorio Emiliano con anche piatti di pesce.

Abbiamo preso un antipasto composto da un crosotone di pane con un patè di Faggiano cotto a bassa temperatura con vino e spezie ed una concassè di pomodoro. Molto gustoso ma delicato allo stesso tempo. Da provare assolutamente

Come primo ci siamo “sacrificati” con i tortellini fatti a mano in brodo di cappone (probabilmente si gusteranno meglio a dicembre che a Giugno con 30°C ma ne è valsa la pena). Sfoglia tirata a mano e grossi come un mignolo come vuole la tradizione cotti nel brodo di cappone. Le parole non possono rendere giustizia alla bontà del piatto.

 

N.B. IN EMILIA IL TORTELLINO NON E’ UN PIATTO E’ UNA DIVINITA’. BASTA RICORDARE CHE A POCHI CHILOMETRI DA LI GLI HANNO FATTO UNA STATUA.

 

Di dolce una crema fritta con fragole all’aceto balsamico.. Buonissimo il contrasto tra l’acido dell’aceto ed il dolce delle fragole e della crema.Carina l’idea di proporre la carta dei dolci all’interno dei libri

 

I proprietari deliziosi e cordiali come vuole la tradizione emiliana… Posto consigliatissimo

 

Panzanella a Modo Mio

Siamo a giugno e il clima seppur altalenante ci porta a mangiare cibi più freschi , quindi quando l’ orto ti dona un bel cetriolo, un paio di pomodori, del basilico profumato ed hai trovato una bella cipolla di Tropea, che idea ti Viene? Mmm , ma si , facciamo la panzanella.

Altro non è che un piatto rustico tipico toscano ma anche umbro e marchigiano, qualche ingrediente come l’ uso del pane nel piatto, contraddistingue le varie Regioni.

Quindi come la facciamo questa,ricetta? Presto fatto , tagliamo una bella cipolla rossa di Tropea a rondelle sottili e la poniamo a macerare qualche ora in acqua è aceto. Tagliare il cetriolo e un paio di pomodori , per chi vuole, noi aggiungiamo anche una costa di sedano tagliata sottile, un Po di olive buone , basilico a vostro gusto.

Il pane raffermo che farà parte del piatto va bagnato, strizzato e poi sbriciolato.

Uniamo tutti gli ingredienti cipolle marinate comprese.

Una bella condita, sale, olio, aceto. Ed è pronto.

Non vi ho messo le dosi precise perché è un Po a vostro gusto, in ogni caso se aggiungete più pomodori o meno olive non farete grossi danni.😄😄

Alla prossima

lappetitovienmangiando

Club Sandwich Svuota Frigo

Quando vuoi svuotare il frigo di, un pomodoro, del cotto, tre uova, qualche fettina di pollo grigliato, ecco fatto, ideona!

Un bel club sandwich rustico.

Ogni panino è composto da tre fette di pane bauletto integrale, una fetta di formaggio con i “buchi” o quello che avete nel frigo, una foglia di iceberg , una fetta di pomodoro ramato, un po’ di cotto grigliato oppure del crudo o bacon, dello speck quello che avete a disposizione o secondo gusto vostro, una fettina di frittata sottile preparata con tre uova battute e un po’ di sale. E del pollo sottile grigliato

Le fette di pane vengono tostate su una bistecchiera e leggermente spalmate di maionese oppure senape come più vi piace.

Ogni tanto questo comfort food , lo mangiamo, fa bene allo spirito.

Il tutto accompagnato da un ottima birra artigianale ghiacciata.

Alla prossima amici.

lappetitovienmangiando.

Prodotti Sicilia In Bocca

Pesto ragusano dell’azienda Sicilia in bocca , acquistato durante il golosItalia , gustato su una fetta di pane casereccio di lievito madre è spettacolare.

Si sentono bene , gli ingredienti che lo compongono.

La mandorla di Avola, e il formaggio ragusano dop.

Questa è una piccola azienda famigliare che produce e trasforma queste prelibatezze, nella zona di Paternò.

Ormai ogni anno è tappa fissa allo stand di Sicilia in bocca, facciamo scorta per poi consumare i vari pesti nell’arco dell’anno. Ah dimenticavo potete usarlo anche per condire una fantastica pasta fredda.

A presto

lappetitovienmangiando

Un classico – Pomodori Ripieni

Una ricetta saporita, perfetta in estate e da gustare come piatto unico, viene serviva con le patate.

Qual’è la sua storia?

Si dice siano nati nell’ territorio della capitale, cibo povero perché composto da ingredienti che chiunque aveva in casa, pomodori, riso e patate.

Il pomodoro da usare è proprio quello tondo , grosso e sodo, detti da riso nella zona dove si cucina questo piatto, vanno svuotati e riempiti con la loro polpa, riso crudo , basilico, aglio, pepe, sale e lasciati una mezz’oretta ad insaporire in una ciotola.

Una volta riempiti, vanno adagiati in una teglia con patate, olio e sale.

Tutto in forno per circa 45 minuti a 180.

I pomodori nella foto sono stati gentilmente preparati da mio suocero che per accontentare , mio marito Simone , goloso di questo piatto ,ricordo della sua infanzia ,li ha appositamente cucinati.

Siamo una famiglia fortunata ad avere varie radici e tradizioni un mix nord/sud, che ci porta ad arricchire la nostra tavola di piatti ed usanze.

Preparateli anche voi è sarà un successo.

lappetitovienmangiando

Ristorante Il Lusso Della Semplicità.

Come da consuetudine per gli eventi di famiglia , compleanni , anniversari preferiamo regalarci un momento particolare , in un ristorante importante. Ecco fatto, per il mio compleanno ( Cecilia), abbiamo scelto , il ristorante di Alessandro Borghese dal nome Il Lusso Della Semplicità , ed è proprio quello che si va ad assaporare, gusti ed abbinamenti che ricordano le tavole di famiglia, con un tocco in più ,dato dalla tecnica di uno chef.

Vi racconto il locale.

Si trova a Milano zona city life , al primo piano di un edificio, entrando trovate un desk con una cordiale donna che vi chiede , nome della prenotazione e vi invita a salire al piano superiore.

Da qua si apre la sala principale, uno spazio rettangolare sui toni del verde.

La sensazione è di essere catapultati nei mitici anni 70. Anche il bancone del bar , ricorda i film del tempo , dove signori, sedevano con i loro drink.

La musica di sottofondo è proprio di quel tempo ed è quella che preferisco.

La cucina è a vista, lucida e ben ordinata.

La tavola molto minimal , senza tovagliato , con un porta posata e un tovagliolo, i camerieri ogni qualvolta si sporca il tavolo, accorrono con una bellissima paletta in acciaio ricamata e con garbo , puliscono il tutto. Davvero insolita come procedura ma molto bella da vedere.

Anche il bicchiere per l acqua è in stile vintage.

Parliamo del menù, viene proposto una degustazione a discrezione dello chef di sei portate, terra o mare a scelta del cliente ( 2 antipasti, 2 primi, 1 secondo, 1 dolce), mentre la carta propone 6/7 piatti per antipasti,primi, secondi e dolci.

Abbiamo scelto noi adulti di fare il menu degustazione mentre Elisabetta ha scelto un piatto di carne.

Vi mostro ora nell’ ordine la degustazione mare

baccalà mantecato , su letto di cipolla Tropea e cips di ceci, sublime

parmigiana di melanzane

morbida e dai sapori mediterranei, ottimo piatto

fusilli con ragù di piovra

delicato e gustoso

il secondo piatto erano dei gnocchetti al pesto su una tartare di gambero, mi spiace l abbiamo mangiato senza fotografare.

Il secondo, calamaro a mosaico con crema di Pirelli e cips del suo nero, e scarola.

Ora vi illustro il menu degustazione terra.

coniglio porchettato con mela

morbido , succoso è saporito

Il secondo antipasto comune a quello di pesce , parmigiana di melanzane, mentre , il primo piatto

tagliatelle al salmì di lepre e liquirizia

Simone è rimasto piacevolmente stupito ed ha gradito molto.

il secondo primo era così composto purtroppo come per il menu di pesce , abbiamo scordato di scattare la foto.

tortellini di carne con crema di Zola

passiamo al secondo , anch’esso molto gradito da Simone.

Guancia di manzo brasata , su polenta e burro.

Il dolce comune ad entrambe è stata una piacevole scoperta, l associazione del dolce al salato era così composto base mousse di cioccolato bianco, insalata di finocchio condita con sale, pepe, olio, arance e un sorbetto sempre di arancia rossa.

Questo invece il piatto di Elisabetta.

sublime la carne.

mentre questo il suo tiramisù

Che dire il personale molto accogliente , tutto molto famigliare

solo un piccolo appunto sulle tempistiche , forse troppo lunghe, per il resto è stata una piacevole occasione.

Per terminare una capatina al bagno , dove come in ogni ristorante importante si trova, sapone mani e crema mani dalla profumazione , inebriante.

Accessoriato anche per i più piccini con fasciatoio e WC a misura.

Borghese a pensato a tutto anche un simpatico kit per colorare ed intrattenere i bambini.

Per ultima cosa il conto con un simpatico cartoncino per votare.

La nostra visita è conclusa, sperando di avervi trasmesso un po’del nostro viaggio enogastronomico e di curiosità, vi aspetto al prossimo ristorante.

lappetitovienmangiando

Pasticceria Knam

Ogni qualvolta ci si trova ad andare a Milano, una piccola tappa da knam, è d’obbligo . Chi non conosce questo pasticcere, ormai famoso anche in televisione, ospite di moltissime trasmissioni ed eventi. Lo scorso anno ho potuto assistere durante il golosItalia , ad una delle sue dimostrazioni di pasticceria con assaggi, ed ascoltare preziosi consigli.

Il suo negozio offre, entrando sulla destra il banco con le praline, dai gusti più classici , ai più particolari, spiegati poi in un libricino che viene dato al momento di ritirare le scatoline alla cassa.

Sulla sinistra invece si trova il banco delle torte, dove noi abbiamo preso la famosa tre cioccolati, ogni volta cambiamo tipologia per poterle piano piano assaggiare tutte.

Tutto è minuziosamente sistemato ed ordinato .

Se vi capiterà mai di essere in zona, fate una capatina e per gli amanti del cioccolato è una vera goduria .