Loader

Cantina Ferrari f.lli Lunelli

By : | 0 Comments | On : Marzo 4, 2019 | Category : La cantina

L'appetito vien mangiando

Buongiorno viaggiatori gourmet , oggi dove andremo? vi portiamo con noi durante la visita alla Cantina del Trento doc più conosciuta e importante, ovvero FERRARI.

La cantina si raggiunge in modo facile ed è ben indicata, in zona Rovereto.

Entrati rimaniamo estasiati dalla zona accoglienza/shoop, dove si trovano tutte le etichette del marchio con angolini relax per attendere la visita.

Chi si occuperà di noi è una brillante e professionale dipendente Dell’azienda, molto gentile ed accomodante. Eravamo un pochino in anticipo quindi per ingannare gj tempo ci viene offerto un ottimo caffè.

Gironzoliamo per scattare qualche foto e ispezionare le bottiglie proposte per la vendita.

Giunge l ora (14,30), per partire con la visita, si divide in tre parti salienti.

La prima dedicata alla spiegazione di come è organizzata l azienda e sul territorio in cui ci troviamo , il Trentino. Il marchio Ferrari per riuscire a soddisfare le richieste del mercato,usufruisce di 300 piccoli viticoltori che producono uva oltre al podere di proprietà.

La guida spiega la prima fase post vendemmia, di come viene pigiata e di come poi utilizzate le buccie per la produzione dei distillati.

La seconda parte è dedicata al museo.

Qua troviamo gli attrezzi che il signor Giulio Ferrari proprietario storico del marchio , usava per la produzione che già all’epoca era stata pensata per una qualità molto elevata.

Fra le foto si nota la prima imbottigliatrice realizzata in argento, uno materiale antibatterico per eccellenza e duraturo, parliamo della fine del 1800.

L azienda viene poi venduta alla famiglia Lunelli, non avendo il signor Giulio Ferrari degli eredi.

Proseguendo troviamo un percorso di pareti piene di bottiglie , davvero affascinante, ed una cantina dove la famiglia conserva le annate eccellenti del marchio

Una parte interessante è la spiegazione del remuage

Le 5 bottiglie evidenziano i passaggi,che vengono fatti sulle bottiglie a mano per l etichetta GIULIO FERRARI mentre automatizzata per tutte le altre etichette della cantina.

Ultima parte la spiegazione Dell’ imbottigliamento

La nostra bravissima guida Sharon , ci svela anche qualche,suggerimento,per la conservazione del vino, come raffreddare una bottiglia di bollicine.

Ora è giusta la degustazione

Il primo bicchiere da degustare è il rosé destinato solo alla ristorazione mentre il secondo è il perlé, abbinato al Trentin grana e grissini.

Ragazzi che esperienza, da appassionati abbiamo appreso delle piccole grandi nozioni , prima di tornare a casa siamo passati allo shoop per un ricordo della giornata.

Se vi dovesse capitare fateci una capatina ne vale davvero la pena.

Alla prossima recensione

The following two tabs change content below.
Share This Post!