Ristorante Il Lusso Della Semplicità.

L'appetito vien mangiando

Come da consuetudine per gli eventi di famiglia , compleanni , anniversari preferiamo regalarci un momento particolare , in un ristorante importante. Ecco fatto, per il mio compleanno ( Cecilia), abbiamo scelto , il ristorante di Alessandro Borghese dal nome Il Lusso Della Semplicità , ed è proprio quello che si va ad assaporare, gusti ed abbinamenti che ricordano le tavole di famiglia, con un tocco in più ,dato dalla tecnica di uno chef.

Vi racconto il locale.

Si trova a Milano zona city life , al primo piano di un edificio, entrando trovate un desk con una cordiale donna che vi chiede , nome della prenotazione e vi invita a salire al piano superiore.

Da qua si apre la sala principale, uno spazio rettangolare sui toni del verde.

La sensazione è di essere catapultati nei mitici anni 70. Anche il bancone del bar , ricorda i film del tempo , dove signori, sedevano con i loro drink.

La musica di sottofondo è proprio di quel tempo ed è quella che preferisco.

La cucina è a vista, lucida e ben ordinata.

La tavola molto minimal , senza tovagliato , con un porta posata e un tovagliolo, i camerieri ogni qualvolta si sporca il tavolo, accorrono con una bellissima paletta in acciaio ricamata e con garbo , puliscono il tutto. Davvero insolita come procedura ma molto bella da vedere.

Anche il bicchiere per l acqua è in stile vintage.

Parliamo del menù, viene proposto una degustazione a discrezione dello chef di sei portate, terra o mare a scelta del cliente ( 2 antipasti, 2 primi, 1 secondo, 1 dolce), mentre la carta propone 6/7 piatti per antipasti,primi, secondi e dolci.

Abbiamo scelto noi adulti di fare il menu degustazione mentre Elisabetta ha scelto un piatto di carne.

Vi mostro ora nell’ ordine la degustazione mare

baccalà mantecato , su letto di cipolla Tropea e cips di ceci, sublime

parmigiana di melanzane

morbida e dai sapori mediterranei, ottimo piatto

fusilli con ragù di piovra

delicato e gustoso

il secondo piatto erano dei gnocchetti al pesto su una tartare di gambero, mi spiace l abbiamo mangiato senza fotografare.

Il secondo, calamaro a mosaico con crema di Pirelli e cips del suo nero, e scarola.

Ora vi illustro il menu degustazione terra.

coniglio porchettato con mela

morbido , succoso è saporito

Il secondo antipasto comune a quello di pesce , parmigiana di melanzane, mentre , il primo piatto

tagliatelle al salmì di lepre e liquirizia

Simone è rimasto piacevolmente stupito ed ha gradito molto.

il secondo primo era così composto purtroppo come per il menu di pesce , abbiamo scordato di scattare la foto.

tortellini di carne con crema di Zola

passiamo al secondo , anch’esso molto gradito da Simone.

Guancia di manzo brasata , su polenta e burro.

Il dolce comune ad entrambe è stata una piacevole scoperta, l associazione del dolce al salato era così composto base mousse di cioccolato bianco, insalata di finocchio condita con sale, pepe, olio, arance e un sorbetto sempre di arancia rossa.

Questo invece il piatto di Elisabetta.

sublime la carne.

mentre questo il suo tiramisù

Che dire il personale molto accogliente , tutto molto famigliare

solo un piccolo appunto sulle tempistiche , forse troppo lunghe, per il resto è stata una piacevole occasione.

Per terminare una capatina al bagno , dove come in ogni ristorante importante si trova, sapone mani e crema mani dalla profumazione , inebriante.

Accessoriato anche per i più piccini con fasciatoio e WC a misura.

Borghese a pensato a tutto anche un simpatico kit per colorare ed intrattenere i bambini.

Per ultima cosa il conto con un simpatico cartoncino per votare.

La nostra visita è conclusa, sperando di avervi trasmesso un po’del nostro viaggio enogastronomico e di curiosità, vi aspetto al prossimo ristorante.

lappetitovienmangiando

The following two tabs change content below.